Settare la Fuji x-Pro1.

Mi sono trovato più volte a spiegare a chi lo possiede qual’è, secondo i miei standard di utilizzo, il settaggio da preferire sulle Fuji serie x.

In molti, specie all’inizio della produzione, lamentavano lentezze operative e dell’autofocus…e anche se non ho mai ben capito certe necessitò di prestazioni, spero questo piccola guida possa essere utile a chi la possiede.

Nulla di rivoluzionario, ma solo dei semplici accorgimenti per chi è agli inizi, oppure per chi vuole usarla nella street-photography, o per la fotografia professionale, come il matrimonio. Come alcuni sanno io utilizzo regolarmente solo ed unicamente la serie Fuji X sia per i miei lavori come fotografo commerciale che come fotografo di matrimonio…quindi ho bisogno che il mezzo che uso sia piuttosto reattivo…senza sconfinare nelle raffiche e in velocità da riprese sportive, generi per cui questa fotocamera è inadatta.

Cominciamo dalla base…

Aggiorniamo il firmware- La Fuji si è dimostrata piuttosto attenta ai consigli, e un paio di aggiornamenti firmware hanno velocizzato l’AF, consentito di focheggiare a pochi centimetri senza dover impostare “Macro”, ridotto il rumore che il diaframma faceva mentre si adattava alla luce presente in una scena mentre la fotocamera era accesa e altre cose…come l’auto ISO implementata, l’adattatore per Leica M, buffer velocizzato, eccetera….consigliatissimo aggiornare la macchina all’ultima versione.

 

-Settare la larghezza del punto AF

MISURAZIONE AF SPOT
MISURAZIONE AF SPOT
fuji x-pro1
MISURAZIONE AF ALLARGATA

 

La macchina offre la possibilità di impostare l’area su cui metterà a fuoco e su cui valuterà la precisione…premendo il tasto AF a sinistra sul dorso e ruotando la ghiera a portata di pollice sempre sul dorso si può regolare quanto ampia è questa zona. Lasciare la zona ampia (Default quando si acquista la macchina) significherà prima di tutto che la macchina dovrà valutare un area maggiore ma anche e soprattutto che potrà essere meno precisa..lavorando ad aperture elevate di diaframma come si addice a certe ottiche la grossolanità della regolazione può riservare sorprese non piacevoli. Inoltre avere un piccolo punto significa dare ben poco da pensare al sistema AF, che diverrà velocissimo.

 

-Vi piace il mirino ottico? calcolate la parallasse

mirino ibrido fuji x-pro1

Se amate come me quel capolavoro di mirino, e preferite usarlo in modalità OTTICO (finestrone) allora dovete considerare gli errori di parallasse. Fin dalle prime Compatte a Telemetro, passando per le nobili Leica, abbiamo imparato che la visione non reflex non corrisponde esattamente a ciò che vede l’obiettivo…specialmente alle brevi distanze quindi se voi centrate il punto af potrebbe capitare che quello reale sia ben altro….ecco allora che attivando la funzione che vedete qui sopra un simpatico tassellino verde vi fa vedere dove cade in realtà il vostro punto autofocus..ed ecco che varie lamentele sull’imprecisione dell’af svaniscono…

Il problema naturalmente non si pone se usate il mirino elettronico, in quanto in questo caso è come usare la reflex…ma il finestrone, specie disattivando i dati di troppo, è decisamente affascinante.

Nel menu si può decidere cosa appare nel mirino elettronico e cosa in quello ottico e quindi si può customizzare la propria preferenza di visione. personalmente scelgo di vedere molte informazioni in quello elettronico, e solo tempi, ISO e diaframmi in quello ottico.

 

-Il risparmio energetico.

fujifilm x-pro1

 

Alla Fuji han pensato di dotare di questa modalità questa macchina, sta a voi decidere come usarla…se la attivate, af e velocità di scrittura rallenteranno un filo…fate delle prove…se fate una fotografia più tranquilla l’autonomia aumenta non poco…anche il QUICK START che segue influenza questo aspetto…se lo attivate, appena sfiorate lo scatto la macchina esce dallo stand by, altrimenti serve una pressione di un secondo buono….io scelgo il settaggio che vedete. Se invece volete poter rivedere al volo le immagini scattate in sequenza, disattivate tutto.

Anche tutto questo influenza la velocità operativa.

 

-Revisione immagine

autofocus fujifilm x-pro1
Velocizziamo la ripresa.

Disattivare la revisione automatica delle foto velocizza la prontezza della macchina, che non vi mostra le foto appena fatte, ma rimane pronta a scattare…oltre a risparmiare batteria, questo vi lascia concentrare sulla ripresa…del resto avete sempre il tasto “Play”, al bisogno, giusto?

 

-usare l’iperfocale

_9208290

 

Lavorando in manualfocus, sul display ci appare in anteprima, in base al diaframma/iso/punto di fuoco impostati, la zona a fuoco…utile nella street photography o quando la velocità è fondamentale….questo è il miglior AF di ogni tempo…

Per eventuali info leggetevi il nostro articolo sull’iperfocale!

Se avete un obiettivo a fuoco manuale non dovete fare altro che acquistare l’adattatore apposito (io ho quello per Nikon e Leica M, due adattatori cinesi da 20 euro…) e siete pronti a usarli sulle fuji…naturalmente in manualfocus, in questo utilizzando i classici riferimenti sull’obiettivo.

Se usate il mirino ottico, non scordate di dire alla macchina che cornice utilizzate, io uso spesso un 25mm Voigtlander/Leica e quindi ho impostato la cornice da 35mm per averla già pronta all’uso.

Fuji x-pro Leica
Impostare la giusta cornice nel mirino.
x-pro1
La Fuji con il 25mm f4 montato, equivalente ad un 35mm nel formato Barnack.

Molti non sanno che su ebay sono reperibili gli ottimi obiettivi Jupiter, a vite 39×1 che tramite un anello adattatore si possono montare su Leica, fuji e mille altre…sono ottiche che per magari 10 0 20 euro vi daranno rese e sfocati d’altri tempi, e divertimento assicurato.

jupiter-8
il mio Jupiter, 8 dollari e una resa pazzesca, anche su una fotocamera moderna come la Fuji…

Questo è tutto, almeno per ora, sui settaggi della Fuji.

Partendo da questo, e utilizzando i controlli sulla gamma dinamica e simulazione pellicola sia sui raw che sui JPG che la fuji offre ci si ritrova in mano davvero un mezzo piacevole, compatto e veloce….sono certo che le nuove macchine saranno dotate di chissà quali nuovi af e funzioni…ma la fotografia è fatta sempre degli stessi 4 controlli da 60 anni, e trovo davvero superfluo inseguire la tecnologia, meglio invece prendersi il tempo di far diventare nostro ciò che abbiamo, conoscendolo a fondo.

fuji x-pro gamma dinamica
I controlli sulla Gamma possono ampliare la durezza dei passaggi tra ombre e luci, rendendo morbido o meno il file per esigenze di postproduzione, mentre le simulazioni pellicola ereditano direttamente le curve delle pellicole celebri della FUJI: Velvia, Astia, Sensia, Provia, negativi a contrasto standard o alto e Bianconero con diversi filtri di contrasto. la buona notizia è che questi settaggi funzionano anche sul Raw, e bene.

 

Buon divertimento!

 

 

4 Comments

  1. Grazie per questi utili consigli, due dei quali ho subito applicato, non avendolo fatto prima, sulla mia X100. Fra non molto prenderò anche la X-Pro 1.
    Complimenti per questo blog, molto ben fatto e sempre interessante,
    ciao,
    Giuliano.

  2. Complimenti! Ottime e basilari informazioni per il mio neo acquisto, X-Pro1. Condivido in pieno il comportamento misurato e volto alla padronanza dei basilari principi della fotografia (analogica o digitale i principi sono gli stessi).
    Mi allargo un poco e ne approfitto per avere conferma su quanto ho potuto verificare:
    – impostando su on il risparmio energetico e utilizzando il mirino ottico, e’ normale che appaia il riquadro Dell’ istogramma senza al’ interno il relativo grafico ? Ho notato che per poter disporre dell’istogramma con il mirino ottico e’ necessario impostare su off il risparmio energetico: e’ una logica conseguenza della filosofia o un difetto della mia fotocamera? Grazie
    Tito

  3. Ciao, ho apprezzato molto i tuoi suggerimenti, trovati molto utili,
    ma avrei da fare una piccola correzione:
    Anche io, come te uso uno skopar 25 mm sulla mia xpro 1 e se pur corrisponde nel formato leica ad un 37,5 mm rimane pur sempre un 25mm.
    Pertanto sul menù va impostato o 24mm,(visto che il 25 non c’è), oppure selezionare 25 nelle ultime 2 finestre disponibili.
    Se fai una prova, scoprirai che l’aria fotografata dal 25mm è maggiore rispetto a quella riportata sulla cornicetta del 35.
    Spero di esserti stato utile e grazie ancora per i tuoi consigli.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *