Bianconero digitale e Rodinal- Preset di Lightroom Gratis

Nel mio quotidiano in fotografia ho due tipi di approccio..il primo é fatto di sensazioni. Sento e butto fuori in modo forte, frammentato e incompleto.
Le fotografie in bianconero diventano un caleidoscopio di istanti che in qualche modo finisco per riunire in discorsi di senso compiuto poi, nel tempo. Imperfette e grezze, sono ciò che resta del passare di giorni magari frenetici.
Il secondo é più gentile, fatto di foto pensate e di tanto spazio per l’immaginazione…di gesti e di storie che chi guarda la foto può finire secondo i propri modi di vedere la vita stessa. Quei colori e quelle foto sono il modo in cui mi pongo.

Ai tempi della pellicola c’erano due o tre film che utilizzavo e che davano un certo feeling alle fotografie. Chiunque le abbia utilizzate conosce l’effetto “tavolozza” che si generava scegliendo questo o quella pellicola, specialmente quando si trattava di diapositive.
Oggi almeno per quanto mi riguarda non uso più film a colore, ma continuo nel bianconero. Trovo però che spesso molti dei file che ottengo abbiano una pulizia e una sterilità di partenza che non sempre mi convince, compresi i vari preset impostabili nelle macchine.

Partendo dai file della Fuji ho creato questo preset che é una buona base di partenza per riavvicinare i files all’effetto che ottengo quando sviluppo i miei negativi con il Rodinal (sviluppo per pellicole per chi non lo sapesse) ottenendo quei neri intensi ma non chiusi, e quella curva di contrasto particolare.
Naturalmente nessun preset può definirsi adattabile ad ogni immagine. Grana, esposizione e contrasto andranno regolati di volta in volta per adattarsi al soggetto che avrete ripreso, ma negli anni di prove questo sviluppo di Lightroom mi sembra un punto di partenza eccellente.

Bianconero digitale Lightroom

Preset gratuito per simulazione di Bianconero digitale Lightroom.

Guardate qui una mia Galleria in Bianconero ottenuta da questo preset.

 

Potete scaricare gratuitamente il preset da questo link! e seguite queste istruzioni per l’installazione!

Buon divertimento! Gabriele

Corso Lightroom: costruire dalle basi

CosaCorso Lightroom, Workshop Lightroom,Milano
Per Chi: fotografi professionisti, foto amatori

Non appena finito il Corso Base molti studenti entusiasti ci hanno circondato chiedendoci informazioni sul corso di reportage o il workshop di composizione e linguaggio fotografico.
Per chi inizia ad affacciarsi alla fotografia in realtà noi dobbiamo consigliare il nostro Corso Intensivo di Lightroom.
Lightroom è un software che è diventato importantissimo sia per il lavoro professionale che per quello personale, è il cuore della nostra attività come fotografi.

Corso Lightroom

Corso Lightroom

Innanzitutto ci permette di gestire tutta la nostra attività fotografica in un unico posto ottimizzando il work flow e velocizzando i tempi di Archiviazione, Distribuzione, Post produzione dei file.
Lightroom serve per gestire l’Archivio permettendoci di costruire raccolte senza dover duplicare i file partendo dai RAW, costruendo un sitema solido e veloce per ritrovare , ordinare e catalogare le nostre fotografie.
Lightroom serve per distribuire le nostre immagini, dai file RAw genera i JPG e liserve direttamente a Flickr, Facebook, Tumblr, al nostro sito on line, o addirittura (con plug in dedicati) permette di gestire le submission alle agenzie fotografiche o a gestire una vera e propria agenzia fotografica come questa: http://photographer.photoshelter.com/
Lightroom serve a post produrre in maniera veloce ed efficiente i nostri file grazie alla creazione di “preset” e pellicole personalizzate in modo da mantenere unito e costante nel tempo il nostro modo di approcciarsi ad un progetto fotografico.
Lightroom serve a creare libri o filmati multimediali con le nostre foto.
Il programma è suddiviso in moduli e si impara facilmente in un week-end a patto di avere degli insegnanti che lo utilizzano quotidianamente nella loro esperienza professionale.
Investire in un corso di Lightroom vuol dire porre le basi corrette per poter gestire e utilizzare le nostre fotografie al meglio senza perdere traccia dei nostri progetti personali e di lavoro.
Dietro la mia vittoria al World Press Photo c’è proprio la gestione del mio archivio tramite Adobe Lightroom.

Workshop Lightroom

Workshop Lightroom

Anche i miei bianchi e neri così consistenti e riconoscibili che sono diventati un cifra stilistica una vera e propria firma d’autore sono merito dei preset di Lightroom che mi hanno aiutato a tenere unita la mia visione in posti e paesi diversi.

Corso Lightroom

Corso Lightroom

Gestire la luce

Cosa: Gestire in ripresa la luce
Corsi: Corso Base, Linguaggio e Composizione e Lightroom
Per chi: Foto amatori, Fotografi Professionisti
Amo in maniera tenera e delicata la luce. La sento con l’occhio e con tutto il corpo. Mi piace sentire il calore sulla pelle del sole che si alza…
Ci sono voluti anno per “sentire”  la luce. L’ho rincorsa per deserti, steppe, savane infuocate e ghiacci, proprio quando ho pensato che non sarebbe mai stata mia le mi si è concessa tutta travolgendo per sempre la mia vita.

Controllare la luce

Controllare la luce

Per fare delle fotografie del genere servono però alcuni accorgimenti che molti fotografi sembrano ignorare.
Innanzitutto l’ora del giorno quando si fotografa
E’ inutile cercare le ombre profonde e i colori vivaci se non si pensa di fotografare nelle due ore che seguono l’alba e nelle due ore che precedono il tramonto.

Controllare la luce

Controllare la luce

Si deve esporre per non bruciare le luci in maniera che le ombre si chiudano e diventino delle zone nere e profonde. Io solitamente sotto espongo di -0.7 stop.

Controllare la luce

Controllare la luce

Le ottiche poi devono essere ottime perché devono reggere tutte le sfumature di colore, quindi o ottiche fisse o zoom di qualità.

Controllare la luce

Controllare la luce

Infine c’è Lightroom per esaltare i contrasti e saturare un poco i colori.

GPS e Lightroom con un cellulare

Cosa: Come inserire i dati GPS sulle proprie foto tramite una App e Lightroom 4 per Android e IOS
Geotag   Geotag Photos Pro su Itunes   Geotag Photos Pro su Android
Prezzo: 3.59 Euro

Al giorno d’oggi quasi tutti i cellulari hanno il GPS integrato questo ci permette di registrare il nostro percorso quotidiano mentre stiamo scattando le fotografie.
Ci sono poi alcune Applicazioni per cellulari che possono servire a Lightroom il file con i nostri movimenti e Lightroom è in grado di accoppiare i dati GPS alle nostre foto e disporle sulla Mappa…

I vantaggi di Geotag Photos Pro sono:

  • integrazione con Lightroom 4;
  • costa poco;
  • facilità di utilizzo;
  • trasforma qualsiasi  cellulare (IOS o ANDROID) in un apparato GPS adatto a qualsiasi macchina fotografica;
  • con Lighroom 4 riempie i campi IPTC geografici.

Gli step da seguire sono piuttosto semplici:

  • scaricare l’APP per Android (Geotag Photos Pro su Android) o per IOS ( Geotag Photos Pro su Itunes);
  • creare un account su il sito di GPP;
  • sincronizzare la / le macchine fotografiche con l’ora presente sul telefono;
  • settare le opzioni di registrazione;
  • iniziare a registrare un viaggio;
  • fare l’upload sul sito;
  • downloadare sul proprio computer e accoppiare i dati nel modulo mappa di Lightroom 4.

Il video qui sotto in Inglese vi spiega come:

Queste e tante altre cose verranno trattate nel nostro Workshop di Lightroom.

Lightroom 4 Workflow Preset

L’avvento di Lightroom 4 mi ha costretto a rifare i preset che mi permettono di lavorare velocemente quando correggo le foto dei matrimoni (qui se siete curiosi: http://www.fotografo-matrimonio.biz/ ) . Il nuovo motore di sviluppo dei file RAW è assolutamente eccezionale. Per questioni di velocità d’ora in poi la maggior parte dei mie file RAW sarà importata e trasformata in DNG.

Lightroom 4 Speed Workflow Preset

Lightroom 4 Speed Workflow Preset

Gabriele ed io abbiamo deciso che rilasceremo gratutitamente una grande quantità di preset ai partecipanti al nostro corso di Lightroom 4 di giugno, da quelli per velocizzare il workflow a quelli che simulano “effetti” speciali o pellicole tradizionali.
Qui potete scaricare un piccolo estratto degli SPEED WORKFLOW PRESETS per Lightroom 4
COME SI INSTALLANO
Unzippate la cartella e mettetela nella cartella dei presets di Lightroom in questo modo:
1) Andate nel menù PREFERENCES o PREFERENZE, il menu Preferenze sul Mac potrebbe essere sotto la voce Lightroom e non Edit.

LG_4_01

LG_4_01

2) Scegliete la TAB PRESETS o PREDEFINITI

LG_4_02

LG_4_02

3) Schiacciate il bottone SHOW LIGHTROOM PRESET FOLDER o MOSTRA CARTELLA PREDEFINITI
4) Entrate nelle cartelle LIGHTROOM > DEVELOP PRESETS o LIGHTROOM> PREDEFINITI SVILUPPO
5) Trascinate la cartella unzippata in questa cartella
6) Chiudete e riavviate Ligthroom 4
7) Ora nel pannello dei predefiniti del vostro modulo di sviluppo avrete  la cartella 0_0_LG4_Basic con una serie di presets che vi eviteranno di toccare gli slider e che una volta capiti utilizzerete tantissimo e vi permetteranno di essere molto, molto veloci nella correzione delle vostre foto…

Potrebbe esserci qualche piccola imprecisione nei nomi dei bottoni e delle cartelle in italiano  poiché io uso la versione inglese. il menu Preferenze sul Mac potrebbe essere sotto la voce Lightroom e non Edit.

Le raccolte complete verranno rilasciate durante il nostro prossimo corso di Lightroom
Lightroom 4 ha molte nuove features come la Mappa e la possibilità di fare dei libri direttamente con Blurb nel corso di giugno ne vederemo delle belle.