Messico e Micro 43

Sono in partenza… A breve salirò su un aereo per il Messico
Non prima di aver provato la nuova OM-D
Da qualche ora è nelle mia mani la nuova Pen mentre ho passato l’estate con la GH3 di Panasonic… La GX7 la vedrò prima di Natale…
Intanto ringrazio sia Panasonic che Olympus per avermi dato la possibilità di provare le loro splendide macchine / ottiche e per lo sforzo che stanno mettendo nel proporre macchine che hanno veramente tutto.
Ricordo che non prendo soldi da nessuna delle due case e che semplicemente ho scelto di utilizzare i loro prodotti perché ben si adattano al mio modo di fotografare.

West, Africa, Mali,Mopti

Faccio alcune considerazioni:

  1. 16 milioni di pixel sono abbastanza;
  2. Il mirino elettronico è ormai meglio di quello ottico,  il VF4 è addiritura suntuoso;
  3. 1/3 del peso è 1/3 del peso;
  4. Il video (nel senso di brevi riprese con un po’ di audio) può essere molto coinvolgente all’interno di progetti ibridi con fotografie;
  5. WIFI built in   è comodo;
  6. Tante ottiche e accessori mancano solo i decentrabili e uno zoom grandangolare luminoso;
  7. Prezzi abbordabili per attrezzature professionali;
  8. L’assenza dello specchio permette ai progettisti maggior libertà;
  9. Focus peaking (dovrebbero metterlo su tutte le macchine e con tutte le ottiche) permette di sperimentare con diversi sistemi;

Le foto poi fatte in questi ultimi anni parlano da sole.
Troppo spesso si ascoltano “fotografi da salotto“, fini conoscitori dei test MTF, del Pixel Peeping della resa ai bordi di tutte le ottiche…
Le macchine e l’attrezzatura vanno testate sul campo.

Vittore Buzzi Photography

In condizioni climatiche e di luce reali.  Quando piove, quando il sole spacca le pietre, quando l’umidità ti schianta quando sei schiacciato nella calca…

West, Africa, Mali,Pays Dogon

Quando non puoi sbagliare la foto… Ecco solo allora se uno ha affidato la sua visione il suo lavoro le sue emozioni se ha provato ad usarla al massimo… Solo allora può capire se la macchina è valida o no.

La verità è che la più grande differenza è tra  il FARE UNA FOTO e il NON FARE UNA FOTO.
Mi vedete entrare nei quartieri malfamati di Città del Messico vestito come un fotografo da assalto con macchinoni  e obiettivi che possono essere scambiati per fucili a canne mozze?
Non ci vuole un master in psicologia per capire che vado ad inibire in maniera inequivocabile il dialogo, partirei in salita.

Vittore Buzzi Photography Myanmar

Proprio quello che non voglio…
Ecco perché ho scelto il Micro 4/3 e macchine piccole per disturbare il meno possibile per SENTIRE le PERSONE.
Macchine leggere che permettono inquadrature il cui limite è la vostra immaginazione

Yangon, Myanmar Lethwei - Let Wei Burma Boxe.

Non è un caso che molti fotografi di Magnum Photo abbiano iniziato ad usare le macchine mirrorless
Ormai il futuro è qui e ci guarda negli occhi, io sorrido ed evito di accasciarmi sotto il peso impossibile delle grandi reflex.Voi?
Vi farò vedere a breve la mia borsa da viaggio per il Messico… Cercherò di stare sotto i 4kg, batterie, cellulare, guide e spazzolino per i denti compreso!!!

Vittore Buzzi Photography

Panasonic 12-35mm f 2.8 per MFT (micro 4/3)

Personalmente uso sempre meno gli zoom. Utilizzo il 9-18mm di Olympus per il reportage all’aria aperta con una buona luce e  in casi particolari (quando scatto matrimoni da solo) il 12-35mm f 2.8 di Panasonic che equivale al 24-70mm sui sistemi full frame.
Come al solito non si tratta di una recensione o di un test fatto con la mira ottica ma di un utilizzo professionale sul campo.

12-35 Panasonic

12-35 Panasonic

RESA COLORI
Devo ammettere che l’ottica è versatile e veramente bella ma iniziamo dal suo punto di forza che è la resa dei colori,  semplicemente strepitosa il 12-35mm di Panasonic riesce a catturare tutte le più sottili sfumature del cambiamento cromatico dello spettro della luce in più rende l’incarnato della pelle come mai mi era capitato di vedere con qualsiasi accoppiata di Nikon.

 

Panasonic 12-35mm f 2.8

Panasonic 12-35mm f 2.8

Panasonic 12-35mm f 2.8

Panasonic 12-35mm f 2.8

SFOCATO
Lo sfocato è buono, non eccezionale, f 2.8 su MFT (micro 4/3) equivale a circa un f 4 su full frame però la profondità di campo un po’ più estesa ha un vantaggio con l’autofocus velocissimo della mia OM-D mi permette di non sbagliare quasi mai anche in condizioni di luce critica.  E’ importante trovare le giuste quinte per poter esaltare lo sfocato.

Panasonic 12-35mm f 2.8

Panasonic 12-35mm f 2.8

NITIDEZZA
Strepitosa questa ottica è un rasoio assolutamente consigliata. Io personalmente non la uso a chiusure di diaframma superiori a f 5.6 anzi tendo sempre (luce permettendo) ad usarla a tutta apertura.
MANEGEVOLEZZA
Molto buona, io non uso il il grip della OM-D  (il mio mantra è stai leggero) però anche con la macchina in configurazione normale è piuttosto bilanciato e maneggevole.

C’è da dire che è “Weather Sealed” e ha una ottima costruzione allora quali sono i difetti?
Il prezzo ovviamente e poi io sono sempre un incontentabile avrei voluto avere un f 2 con la stessa compattezza e peso e costo… Ovviamente impossibile 🙂
Il Panasonic 12-35mm f 2.8 è la mia scelta quando ho degli incarichi professionali (matrimoni) sono da solo e potrei avere delle limitazioni nel movimento.
Vedremo se deciderò di portarlo con me in India o se rimarrà a casa.
L’unica cosa che so per i prossimi viaggi che mi aspettano (India e Mogolia) è che non voglio sforare i 2,5 kg per la mia attrezzatura (batterie e carica batterie comprese).