Gestire immagini complesse, l’arte del grand’angolare

Cosa: grand’ angolari e fotografia di reportage, corso fotografia reportage

Non è un mistero adoro le immagini complesse con foto nelle foto, quinte e giochi di luce. Lì attendo quieto con ottiche che vanno dal 24 mm in giù. Lì serve una grande visione una grande ispirazione e la voglia di fare sempre qualcosa in più.
Ottiche così larghe sono ideali per la fotografia di reportage. Spesso chi inizia a fotografare preferisce usare degli zoom con dei medi tele obiettivi o peggio con dei veri e propri tele obiettivi. In realtà spesso il risultato sono immagini molto semplici che raccontano poco e risultano piacevoli alla vista per pochi minuti e vengono poi immediatamente dimenticate.
Per raccontare e coinvolgere lo spettatore invece bisogna portarlo all’interno della scena fotografata con un obiettivo in grado di allargare la visuale.

Così nel corso del mio ultimo viaggio in Mongolia mi è capitata l’occasione giusta per fare due fotografie interessanti tutte e due carine ma con un diverso grado di racconto.
Vittore Buzzi Photography
Come potete vedere questa foto è coinvolgente dal punto di vista emotivo ma racconta poco. Non mi da indicazioni né di dove siamo né di dove sono io.
Vittore Buzzi Photography
Questa invece racconta di più…
Ricordatevi che per poter raccontare bisogna saper allargare la propria visione.
Potreste essere interessati a: corso fotografia reportage

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *