Martin Parr: il fascino straordinario dell’ordinario

Molti rimangono perplessi quando indico Martin Parr come uno dei più grandi fotografi di reportage contemporanei… Un vero genio della visione e del linguaggio… La sua capacità di scovare i paradossi della società nel nostro quotidiano e di renderli con un forza prodigiosa in modo  da innescare dei cortocircuiti di senso è senza dubbio senza pari nel mondo della fotografia odierna.

Tantissimi i suoi libri di grandissimo impatto: Small World, Think of England o Common Sense solo per citarne alcuni…

Il mio incontro con Martin Parr lo devo a Roberta Valtorta che alla fine del 900 mi chiese di farle delle riproduzioni di un libro che le servivano per delle lezioni di fotografia era The Last Resort un vero capolavoro in cui il  Consumo, la Spazzatura, il Declino, la Globalizzazione, l’educazione dei figli e la Guerra venivano presentati sullo sfondo di New Brighton…

Martin Parr ci insegna molto:

  1. Lavorate per progetti e finalizzateli in un libro;
  2. Trovate un argomento interessante di cui volete parlare;
  3. Parlate del globale partendo dal particolare;
  4. Trovate un linguaggio forte e personale;
  5. Lavorate sodo e siate consistenti, per sviluppare il punto precedente serve abnegazione e costanza, uscite spesso, una oretta al giorno anche senza macchina e abituatevi a guardare e a cercare le vostre foto;
  6. Mescolatevi ai soggetti che state fotografando non mettetevi su di un piedistallo a giudicarli, solo così potrete stare molto vicini alle persone;
  7. Siate aperti alle sorprese il quotidiano vi regalerà immagini strepitose che non avreste nemmeno potuto concepire;
  8. Studiate il lavoro degli altri per capire e comprendere non per copiare.

Di queste e di molto altro parleremo nei nostri workshop una occasione per conoscerci  e per approfondire e migliorare la vostra visione e le vostre capacità con persone interessate e interessanti:

Corso di Fotografia di ReportageWorkshop di Street Photography

Qui qualcosa di più su di me:

Fotografo, Wedding photography, Photo journalism, Story Telling

 

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *