Internet è fatta di persone.

Alcuni avvenimenti recenti nel mio lavoro mi hanno spinto a ripensare alcune logiche in fotografia, e alcuni meccanismi secondo i quali le cose avvengono, o non avvengono…alle logiche  che tirano le redini della fotografia in base a come va o come non va il bilancio di fine anno.
Quello che ne ho ricavato é una visione davvero positiva e rinata del mondo della fotografia sul web, perlomeno di come una nicchia di persone lo usa.
Alla fine credo che si tratti di collaborare con persone affini, e che dimostrino innanzitutto un amore per la fotografia.
Può sembrare ovvio, ma le relazioni contano più dei prodotti e della convenienza.

Alla fine la domanda che ho posto a me stesso é: devo per forza monetizzare tutto ciò che faccio? Posso essere spinto anche semplicemente dal piacere e magari qualcosa verrà fuori anche in quel modo?

“Internet è fatta di persone. La gente é importante. Anche tu. Smetti di vendere la tua immagine a tutti. Non martellare e basta e torna a parlare alle persone – parlare alle persone. È naturale. Produrre per Internet contenuti che ti interessano davvero, anche se sembra stupido. Fallo perché è una buona cosa e ti sembra importante. Metti più immagini di gatti. Crea più canzoni. Mostra i tuoi scarabocchi. Dare via le cose e prendere cose liberamente. Guarda cosa fanno gli altri, per non competere, imitare o confrontarti … ma perché ti piace guardare le cose che altre persone fanno. Non spingerti in quella piccola scatola senza aria che si chiama BRAND, le scatole senza aria sono fatte per le chincaglierie e per le persone morte. »– Maureen Johnson

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *